5 dominatrici ci spiegano come funziona davvero il bdsm

Pratica bdsm piacere le 256816

Alla base del BDSM sono incluse una serie di pratiche di dominazione, sottomissione, bondage, sadismo e masochismo che interessando oggi oltre 4 milioni di italiani. Sono infatti numerose le coppie che scelgono di inserire nei loro rituali erotici corde, frustini e altri elementi di costrizione fisica, giochi di ruolo, e strumenti di disciplina che combinano il dolore con il piacere fisico e psicologico. Rese famose dalla trilogia cinematografica delle 50 sfumature di grigio, queste pratiche destano infatti domande e curiosità, ma è importante sapere che non ci si improvvisa dominatori o sottomessi se non si vuole correre il rischio di farsi male. Il presupposto fondamentale è che tra i partner vi sia una completa fiducia, senza il rischio di sentirsi giudicati per le proprie fantasie. Siete indecisi se essere dominatori o sottomessi? Iniziate sempre da pratiche leggere e facilmente gestibili, è inutile sperimentare con lacci e manette se non avete confidenza con il vostro corpo.

I pregiudizi verso le sex worker sono tantissimi e continuano a persistere dovunque. Di conseguenza, le dinamiche di autoritа all'interno delle pratiche BDSM bondage, kink, sadismo e masochismo vengono spesso fraintese. A differenza di quello che pensano in molti, il BDSM non è una questione di controllo dell'altro, bensм si tratta di esplorare i confini del piacere in modo sicuro e consensuale. Il consenso gioca un atteggiamento fondamentale in qualsiasi situazione BDSM, affinché sia tra due persone in una relazione amorosa o tra una dominatrice e un cliente. I clienti e i professionisti non solo acconsentono a una serie di regole prima di ogni incontro attraverso il dialogo e una serie di scartoffie, ma le sessioni di BDSM richiedono una annuncio costante e il rispetto dei limiti e della sicurezza reciproca.

Martina è una donna di 39 anni che ha da sempre avuto un rapporto sessuale di piena libertà e consapevolezza nei confronti del sesso. Intraprende una relazione con un uomo affinché si presenta come un Dominante e che pratica questo tipo di denuncia da molto tempo. Eppure, man direzione che la conoscenza diventa più intima, comincia a chiedersi se provando possa piacerle. Inizialmente Martina lo fa come sfida personale: parte con stimolazioni affinché non si possono definire realmente dolorose per arrivare, nel giro di pochi mesi, a subire sessioni anche notevole dure e di intenso dolore, fitta che assume pian piano una aspetto differente perché seguito da un muscoloso piacere. Inoltre, portare i marchi sulla pelle lasciati da fruste o corde la fanno sentire più sicura e più forte. Roberto è un apprendista di 32 anni con una certa istruzione alle spalle e con un lavoro consolidato e di una certa importanza. Ha iniziato ad approcciarsi al mondo del BDSM da molto cielo, essendo stato attratto, fin da ragazzino, dal sesso spinto e dai pellicola porno molto arditi. Usa mollette, la cinta o il cucchiaio di legna per impartire alle sue slaves una lezione, ma soprattutto usa le mani: schiaffi e sculacciate lo appagano particolarmente. Sono questi due esempi di sadomasochismo.

James, anche chi era poco avvezzo a queste pratiche, ha cominciato a conversare di frustini, corde, sottomissioni e quant'altro. Perché in soldoni il BDSM riguarda proprio questo: acronimo di Bondage, Autoritа, Sottomissione, Sadismo e Masochismoil BDSM indica un'ampia gamma di pratiche sessuali in cui la fantasia erotica viaggia di pari passo con il dolore e il disequilibrio tra i ruoli dei praticanti, che devono essere sempre adulti consenzienti. Ma il BDSM non è affatto affare per persone tristi, anzi: dei recenti studi scientifici - riportati anche su Dazed Magazine - accidente evidenza di come chi lo attivitа ha rapporti sessuali migliori e anzitutto di come sia divertente e abbondante di benefici per la salute. Ciascuno studio recente, pubblicato su The Journal of Sexual Medicine il 14 febbraioriporta che i praticanti di BDSM tendono ad avere meno problemi sessuali rispetto a chi non lo pratica. Lo studio suggerisce anche come le persone che adottano ruoli diversi per esempio: dominante, sottomesso abbiano riportato diversi livelli di soddisfazione sessuale. Lo studio ha scoperto che il gruppo BDSM ha rivelato bassi livelli di angoscia legati alla propria vita sessuale, mentre i dominanti hanno riportato livelli più elevati di soddisfazione e meno preoccupazione per la sessualità rispetto sia ai sottomessi che al gruppo di controllo.

Accoppiare il sesso alla costrizione, usare strumenti BDSM nel rispetto delle regole, non è pericoloso ma fa sentire più appagati delle tradizionali pratiche sessuali. Diversi studi in materia dimostrano che chi fa sesso bondage, si presenta come una persona dal carattere meno ansioso e più aperto alla vita quotidiana. La parola bondage significa letteralmente schiavitù. Nel mondo erotico, il termine viene adoperato per indicare una schiavitù di tipo sessuale basato sul bendaggio , o meglio sulla costrizione fisica attraverso la legatura con corde, foulard, cinture, fasce.