Imprenditore arrestato ad Abu Dhabi: Mio marito in carcere senza accuse

Donna il 72471

Le misure detentive non carcerarie Irene di Valvasone, 1- Le detenzioni non carcerarie: la prigione in casa propria Questo capitolo è dedicato all'analisi delle misure detentive non carcerarie. Con questo termine intendo racchiudere tutte quelle misure accomunate da due particolari caratteristiche: l'afflittività e l'assenza di restrizione in carcere. Si tratta di sanzioni o misure alternative di tipo coercitivo, ma che si distaccano, questa volta nettamente, dalla pena detentiva tradizionale. L'afflittività di queste misure è data dalle particolari modalità di esecuzione delle misure detentive non carcerarie, modalità che permettono, generalmente, pochi spazi di libertà e un rilevante grado di privazione della libertà personale. Ed è proprio chi pone l'accento su questa caratteristica a ritenere che anche in questo caso non siamo in presenza di vere e proprie alternative alla pena carceraria, ma siamo di fronte a strumenti di diversificazione non alternativa all'esecuzione delle sanzioni penali, 1 sottolineando il carattere detentivo di queste misure. Tuttavia, la loro esecuzione si svolge in luoghi diversi dagli istituti di pena, ovvero nella propria abitazione o dimora, o in altro luogo indicato dalla legge, come ad esempio in luoghi pubblici di cura, assistenza o accoglienza. Tutte queste misure per la verità condividono poco più delle caratteristiche iniziali reclamate; perfino, nella grande famiglia delle detenzioni domiciliari si riscontrano ipotesi che si accomunano giusto per il nome. Tuttavia, le somiglianze nelle modalità con cui si eseguono, rendono più semplice analizzarle insieme.

Sauvage si trovava in carcere dal 3 dicembre tre anni prima aveva abbattuto il marito Norbert Marot, dopo affinché, durante i 47 anni di coabitazione, lei e le sue figlie avevano subito violenze e abusi sessuali. La legittima difesa nei casi di abuso domestica è un tema molto complicato: gli abusi domestici dovrebbero o potrebbero essere presi in considerazione quando la donna che li ha subiti uccide il marito o il compagno violento? Si deve, insomma, allargare il essenza di legittima difesa? In Francia se ne sta parlando perché è stata presentata una proposta di legge. E in Italia, dove negli scorsi mesi la legittima difesa ha occupato gran parte del dibattito specialmente per le questioni sollevate dalla Lega? Di avvenimento parliamo La legittima difesa sancisce la non punibilità di un atto affinché, in circostanze diverse, sarebbe invece un reato.